Documento C.N. 12 settembre 2019

A.N.P.I.
ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI D’ITALIA
Il Comitato Nazionale ANPI giudica positivamente la modalità attraverso cui si è affrontata la crisi che ha condotto alla formazione del nuovo Governo: la crisi è stata giustamente portata in Parlamento ed è stata rispettata la Costituzione contro ogni ulteriore tentativo di asservirla a esigenze di parte. Grazie all’impegno ed alla correttezza del Presidente della Repubblica ed alla disponibilità di forze politiche diverse, si è realizzata, come l’ANPI aveva auspicato, una soluzione positiva e si sono poste le basi per una svolta democratica; è stata altresì ribadita, contro ogni tentazione plebiscitaria e populista, la natura parlamentare della Repubblica dando vita in Parlamento ad una nuova maggioranza che si è manifestata col voto di fiducia.
Ora deve finire il tempo delle dichiarazioni contrapposte, dei post, del selfie che hanno caratterizzato il precedente Governo. C’è bisogno di serietà e responsabilità. Bene ha fatto il Presidente del Consiglio in Parlamento a parlare di “sobrietà e rigore”. Ci vuole un impegno di tutto il Governo per ristabilire nella società un clima di serenità, tolleranza, cittadinanza consapevole, e di contrasto a tutti gli episodi, spesso violenti, di discriminazione di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali, come prescritto dall’art. 3 della Costituzione.
Si avvii una nuova politica economica e industriale che metta al centro il lavoro e la dignità della persona, come prescritto da tutta la Costituzione a cominciare dai principi fondamentali. Si chiuda definitivamente una pagina buia nel governo del Paese, caratterizzata dalla continua sollecitazione di sentimenti e comportamenti di odio, rancore, xenofobia e razzismo, e si promuova un modello di società aperta e solidale collocando al primo posto la difesa dei diritti umani (art. 2 della Costituzione), come praticato in particolare dalla Liberazione in poi dalla stragrande maggioranza degli italiani, dopo la criminale stagione del nazifascismo che elevò la discriminazione razziale a legge dello Stato; si abbandonino irreversibilmente proposte e disegni di legge oscurantisti e contro le donne, come il ddl Pillon.
Chiediamo la cancellazione dei cosiddetti decreti sicurezza anche in base ai rilievi del Presidente della Repubblica, oltre che alle norme del comune buon senso: va ripristinato l’obbligo di rispettare i trattati internazionali, vanno soccorsi e fatti sbarcare i naufraghi in ogni caso e in qualsiasi circostanza in base al principio non negoziabile della difesa della vita umana ed al diritto del mare, vanno cancellate le grottesche ammende per coloro che salvano le persone in mare; vanno inoltre soppresse tutte le norme che possono condizionare, limitare o impedire la libertà di manifestazione, va respinta qualsiasi criminalizzazione di comportamenti non violenti, va in sostanza cancellata qualsiasi testimonianza di una volontà repressiva e autoritaria estranea alla civiltà giuridica del nostro Paese. Per di più comprendere il tema della sicurezza in quello dell’emigrazione vuol dire ridurre quest’ultima a una questione di ordine pubblico.
Confermiamo le nostre critiche alla revisione costituzionale relativa alla riduzione dei parlamentari e il nostro forte dissenso verso le proposte di cosiddetta autonomia differenziata. Non condividiamo le tentazioni di manipolare la Costituzione, che ricorrono oramai con inquietante frequenza. A fronte dei progetti di modifiche alla Costituzione e addirittura di avviare una nuova fase costituente, ribadiamo che una vera e propria trasformazione democratica può avvenire solo con la piena attuazione delle norme costituzionali.
./.
00192 Roma – Via degli Scipioni, 271 – Telefoni 06.3211949 – 3212807 – Fax 06.3218495 Ente Morale D.L.L. n. 224/5.4.45 – Reg. Pers. Giuridiche UTG RM n. 269/2004 – Cod. Fisc. 00776550584 – http://www.anpi.it e-mail segreterianazionale@anpi.itcomitatonazionale@anpi.it Posta certificata ANPI.ComitatoNazionale@pec.it
2.
Chiediamo che si avvii, dopo più di anno di tolleranze, connivenze, in qualche caso complicità, una chiara politica di contrasto alle insorgenze fasciste, naziste, razziste, esplicitamente condannate dalla legge Scelba e dalla legge Mancino e dall’intero contesto della Carta costituzionale. A questo proposito ricordiamo che l’ANPI nazionale ha depositato a Roma nei mesi scorsi un esposto alla magistratura con un’amplissima documentazione sulle attività criminali delle organizzazioni della galassia nera. L’obiettivo fondamentale che occorre perseguire è creare le premesse per la messa fuori legge delle organizzazioni neofasciste, neonaziste, razziste. Antifascismo e antirazzismo sono principi costitutivi della natura della Repubblica: occorrono iniziative di ampio respiro affinché ogni articolazione dello Stato si ispiri a tali principi. Prendiamo atto con favore delle dichiarazioni relative ad una politica di rilancio dell’Unione Europea, cambiando una politica economica sbagliata e controproducente e contrastando visioni isolazionistiche e nazionalistiche. Ricordiamo che il progetto stesso dell’unità del vecchio continente su basi pacifiche e solidali nacque al confino di Ventotene ed è per sua natura democratico e antifascista, tema che sarà approfondito nel convegno promosso il 20 settembre a Matera, capitale europea della cultura, sulle radici antifasciste dell’Europa. L’ANPI si impegna a continuare ed intensificare la sua battaglia unitaria su questi principi, perché sono i principi che hanno guidato la Resistenza ed hanno informato gli anni della Repubblica e della Costituzione. Oggi più di ieri nelle città, nei Comuni, nelle piazze l’ANPI terrà alta la bandiera dell’antifascismo, dell’antirazzismo, delle libertà, della giustizia sociale e dell’eguaglianza: la bandiera delle partigiane e dei partigiani.
IL COMITATO NAZIONALE ANPI Roma, 12 settembre 2019

Annunci

Allegata inviamo la nota di ringraziamento del presidente Flavio Agresti, inviata a tutti i protagonisti che hanno permesso la realizzazione della Festa provinciale dell’ ANPI.

E’ con autentica gioia che vi esprimo la soddisfazione mia personale e del Comitato Provinciale dell’ANPI per il successo ottenuto dalla Festa “E questo è il fiore…”, svoltasi a Santa Fiora il 30 e 31 agosto e il 1° settembre. Numerosa è stata la partecipazione dei democratici e antifascisti locali e di gran parte del grossetano e di importante rilievo i contenuti politici e culturali delle iniziative che nell’occasione si sono messe in atto: dall’apertura in piazza, con Fabrizio De Santis, alla pastasciutta che ha chiuso la manifestazione. Interessantissime Giuliana Sgrena e Luciana Rocchi; particolarmente istruttive e emotivamente toccanti le testimonianze rese dai giovani immigrati; molto stimolante l’esperienza del laboratorio “Diversamente Uguali” con i ragazzi del luogo. Tutte cose che hanno arricchito il messaggio, anche etico e morale, lanciato dall’Anpi ai maremmani dalla Peschiera.

Nello stesso tempo ringrazio di cuore tutti coloro, singoli militanti e entità organizzate che, con il proprio encomiabile lavoro o con il loro decisivo sostegno, hanno reso possibile questo importante risultato, che ci legittimamente ci riempie di orgoglio. Penso alle iscritte e agli iscritti alle due sezioni della montagna e alle altre sezioni del territorio che si sono mobilitate, inclusa quella di Abbadia, al Comune di Santa Fiora, alla Fondazione Santa Fiora Cultura, alla Gestione del Parco della Peschiera, alla Coop Amiatina. Ringrazio i Comuni di Casteldelpiano, Arcidosso, Santa Fiora, Castell’Azzara, Seggiano e Cinigiano, Festival Resistente, l’Isgrec, l’Arci, i sindacati confederali Cgil Cisl Uil, per il patrocinio volentieri concesso, che conferma la loro appartenenza al mondo democratico che si riconosce nei valori di giustizia e libertà sanciti dalla Costituzione repubblicana, nata dalla Resistenza.

Abbiamo reso evidente che l’antifascismo rafforza la propria attività anche dalle nostre parti, lottando per la pace, per la democrazia, per la giustizia sociale e per i diritti dell’uomo (cominciando da quelli alla salute e a un lavoro rispettoso dell’ambiente), contro il razzismo, l’odio sociale e la paura, sparsi a piene mani dalla destra estrema per procacciarsi consensi a buon mercato. Siamo un soggetto culturalmente e politicamente plurale, al quale si aderisce al di là delle appartenenze partitiche: e questo vogliamo continuare ad essere con sempre maggiore incisività, sapendo che sui grandi valori che mossero i partigiani (e che restano essenziali per uscire dalla crisi che stiamo vivendo) è possibile e si deve unire ciò che rispetto al governo è e resterà diviso, per il bene di tutti, soprattutto dei più deboli e indifesi. Su questo lavoreremo, anche dedicando al tema la Festa del prossimo anno, che non mancheremo di organizzare contando nella conferma della vostra disponibilità e del vostro entusiasmo.
Grazie ancora, a tutte e a tutti.

Grosseto, 2 settembre 2019

Flavio Agresti
Presidente Comitato Provinciale Anpi “Norma Parenti”

Via M. Ravel 15 – 58100 GROSSETO
anpi.grosseto@live.it
http://www.anpigrosseto.wordpress.com

Nel trasmetterVi i volantini relativi alla Festa dell’ ANPI che si terrà a Santa Fiora, suddivisi nei tre giorni dell’ iniziativa, Vi chiediamo di impegnarVi al massimo, affinché la Festa abbia una positiva riuscita, dandone la massima diffusione e sollecitando la partecipazione dei nostri iscritti. Soprattutto il 1 settembre – giorno della “Pastasciutta antifascista” – legata al significativo ricordo di quella offerta dalla famiglia Cervi. In questo momento difficile per le traversie politiche che stiamo vivendo, dare un significativo segno della presenza dell’ ANPI è più che mai importante. Fraterni saluti

Comitato Provinciale Norma Parenti INVITA
tutti i cittadini alla
FESTA DELL’ANPI 2019 “ E QUESTO E’ IL FIORE” A SANTA FIORA PIAZZA GARIBALDI
PER TESTIMONIARE LA PROPRIA CONDIVISIONE DEI VALORI ANTIFASCISTI CHE STANNO ALLA BASE DELLA NOSTRA CIVILTÀ.
PRIMO GIORNO DI APERTURA : VENERDI’ – 30 AGOSTO – ORE 18
“Unità democratica contro il pericolo di un nuovo autoritarismo e per la difesa e lo sviluppo delle libertà sancite dalla Costituzione Repubblicana – l’Anpi e l’attuale momento politico”.
INTERVERRANNO
. RAPPRESENTANTE DEL COMUNE DI SANTA FIORA. . FABRIZIO DE SANTIS, MEMBRO DEL COMITATO NAZIONALE E PRESIDENTE DELL’ANPI DI ROMA.
PRESSO IL PARCO LA PESCHIERA: ORE 19,30 – INAUGURAZIONE MOSTRA MANIFESTI E FOTOGRAFIE A CURA DELLE SEZIONI ANPI; ORE 20 – PORTA PARTY; ORE 21,15 – MUSICHE, CANTI E PAROLE RESISTENTI CON IL “TRIO INCOGNITO”.
LA MANIFESTAZIONE HA IL PATROCINIO DEI COMUNI DI SANTA FIORA, CASTEL DEL PIANO, ARCIDOSSO, CASTELL’AZZARA, CINIGIANO E SEGGIANO; DEI SINDACATI CONFEDERALI CGIL, CISL, UIL; DELL’ARCI, DI FESTIVAL RESISTENTE E DELL’ISGREC . HA RICEVUTO UN‘IMPORTANTE CONTRIBUTO DALLA FONDAZIONE SANTA FIORA CULTURA, UNICOOP AMIATINA, GESTIONE PARCO PESCHIERA .

———————————————
Comitato Provinciale Norma Parenti INVITA
tutti i cittadini alla
FESTA DELL’ANPI 2019 “ E QUESTO E’ IL FIORE” A SANTA FIORA PARCO LA PESCHIERA
PER TESTIMONIARE LA PROPRIA CONDIVISIONE DEI VALORI ANTIFASCISTI CHE STANNO ALLA BASE DELLA NOSTRA CIVILTÀ.
SECONDO GIORNO DI APERTURA : SABATO 31 AGOSTO
ORE 16 – “DIVERSAMENTE UGUALI” LABORATORIO PER BAMBINI CON LINDA E GIULIA; ORE 18 – GIULIANA SGRENA, GIORNALISTA DE “IL MANIFESTO”, PRESENTA IL SUO LIBRO SUL PADRE PARTIGIANO E IL LIBRO DI ALTRO AUTORE SUI SUOI GENITORI ENTRAMBI PARTIGIANI; ORE 19, 45 – APERITIVO RESISTENTE (SU PRENOTAZIONE); ORE 21, 15 – MUSICHE E CANTI CON LA “BANDA ARMATA MAREMMANA”.
LA MANIFESTAZIONE HA IL PATROCINIO DEI COMUNI DI SANTA FIORA, CASTEL DEL PIANO, ARCIDOSSO, CASTELL’AZZARA, CINIGIANO E SEGGIANO; DEI SINDACATI CONFEDERALI CGIL, CISL, UIL; DELL’ARCI, DI FESTIVAL RESISTENTE E DELL’ISGREC . HA RICEVUTO UN‘IMPORTANTE CONTRIBUTO DALLA FONDAZIONE SANTA FIORA CULTURA, UNICOOP AMIATINA, GESTIONE PARCO PESCHIERA .

————————————–

Comitato Provinciale Norma Parenti INVITA
tutti i cittadini alla
FESTA DELL’ANPI 2019 “ E QUESTO E’ IL FIORE” A SANTA FIORA PARCO LA PESCHIERA
PER TESTIMONIARE LA PROPRIA CONDIVISIONE DEI VALORI ANTIFASCISTI CHE STANNO ALLA BASE DELLA NOSTRA CIVILTÀ.
TERZO GIORNO DI CHIUSURA : DOMENICA 1 SETTEMBRE
ORE 10 – INCONTRO CON LUCIANA ROCCHI DELL’ISGREC, CHE PARLERÀ SU: “DONNE E RESISTENZA. VANDA PARRACCIANI: ESEMPIO DI IMPEGNO CIVILE CHE CONTINUA NEL DOPOGUERRA”. ORE 13 – PASTASCIUTTA ANTIFASCISTA. CON QUESTA IMPORTANTE INIZIATIVA DI GRANDE SIGNIFICATO IDEALE E POLITICO, CHE SI SVOLGE PER LA PRIMA VOLTA IN PROVINCIA DI GROSSETO, REPLICHIAMO QUANTO FECE LA FAMIGLIA CERVI ALLA CADUTA DEL FASCISMO, ALLORCHÉ OFFRÌ, APPUNTO, LA PASTASCIUTTA A TUTTO IL PAESE DI CAMPEGINE PER FESTEGGIARE L’AVVENIMENTO.
E’ RICHIESTA LA PRENOTAZIONE. PRENOTATI PRESSO LA SEZIONE ANPI DELLA TUA LOCALITÀ, VERSANDO AL MOMENTO LA QUOTA DI PARTECIPAZIONE, PARI A 10 EURO.
LA MANIFESTAZIONE HA IL PATROCINIO DEI COMUNI DI SANTA FIORA, CASTEL DEL PIANO, ARCIDOSSO, CASTELL’AZZARA, CINIGIANO E SEGGIANO; DEI SINDACATI CONFEDERALI CGIL, CISL, UIL; DELL’ARCI, DI FESTIVAL RESISTENTE E DELL’ISGREC . HA RICEVUTO UN‘IMPORTANTE CONTRIBUTO DALLA FONDAZIONE SANTA FIORA CULTURA, UNICOOP AMIATINA, GESTIONE PARCO PESCHIERA .

Si trasmette la nota del Presidente Agresti Flavio, relativa alla Festa dell’ ANPI che si terra a Santa Fiora a fine Agosto e che anticipa il calendario delle iniziative.

COMITATO PROVINCIALE “Norma Parenti” GROSSETO

Alle sezioni Anpi della Provincia;
Ai membri degli organismi dirigenti provinciali dell’Anpi.
LORO SEDE

Oggetto: festa dell’Anpi a Santa Fiora.

Carissime/i,
vi confermiamo che, grazie all’encomiabile impegno delle sezioni del Monte Amiata, nei giorni 30 e 31 agosto e 1 settembre prossimi si svolgerà, presso la Peschiera di Santa Fiora, la prima festa dell’Anpi in provincia di Grosseto. Questo il programma, molto ricco di importanti iniziative:

Venerdì 30 agosto, ore 18, in piazza Garibaldi – Iniziativa politica con Fabrizio De Santis, membro del Comitato Nazionale, presidente Anpi di Roma. Saluto del sindaco di Santa Fiora.
Ore 19 e 30 la peschiera – apertura mostra di manifesti e fotografie a cura delle sezioni Anpi.
Ore 20 – porta Party.
Ore 21 e 15 – Musiche, canti e parole resistenti con il Trio Incognito.

Sabato 31 la peschiera:
Ore 16 – “Diversamente uguali” a cura del Laboratorio per bambini con Linda e Giulia.
Ore 18 – Giuliana Sgrena, giornalista de “il manifesto” presenta il suo libro sul padre partigiano e il libro di altro autore sui suoi genitori entrambi partigiani.
Ore 19 e 45 – Aperitivo resistente (su prenotazione).
Ore 21 e 15 – Musiche e canti con la “Banda Armata Maremmana”.

Domenica 1 settembre la peschiera:
Ore 10 – Incontro con Luciana Rocchi dell’Isgrec, che parlerà su: “Donne e Resistenza. Vanda Parracciani: esempio di impegno civile che continua nel dopoguerra”.
Ore 13 . Pastasciutta Antifascista (su prenotazione).

Già vi abbiamo comunicato che le sezioni che lo desiderano potranno disporre di uno spazio da gestire autonomamente con propri materiali e quanto altro giudichino utile al fine di rappresentare le rispettive realtà. L’importante è che le modalità della loro presenza vengano comunicate in tempo a Flavio Agresti: tel. 3288073459.
Il villaggio della festa sarà adeguatamente addobbato con bandiere Anpi, vecchi manifesti e cartellonistica sui problemi attuali, per renderlo vivace e comunicativo al massimo delle nostre possibilità. I patrocini confermati sono molti e importanti, a cominciare da quelli dei Comuni della montagna, delle organizzazioni sindacali confederali, dell’Isgrec, dell’Arci, di Festival Resistente. Un contributo importante è venuto dalla Fondazione S. Fiora Cultura, da Unicoop Amiatina, dalla gestione Parco Peschiera. Con l’effettiva e convinta attivazione di tutte le strutture dell’Anpi della provincia ci sono, insomma, tutte le condizioni per fare una bella cosa.
Ciò che chiediamo al gruppo dirigente dell’Associazione e delle nostre sezioni è di mettere subito in campo ogni energia per promuovere la massima partecipazione di scritti e antifascisti e democratici in genere, specialmente di giovani, alle manifestazioni politiche e a quelle divertenti previste. Particolarmente richiamiamo la vostra attenzione sull’apertura della festa in piazza Garibaldi con Fabrizio De Santis, alla quale fin da ora convochiamo il Comitato provinciale; sulla presentazione dei due libri da parte di Giuliana Sgrena, e sulla “pastasciutta antifascista”, che gusteremo dopo la conferenza di Luciana Rocchi, a chiusura della festa medesima.
Per la migliore riuscita della “pastasciutta antifascista” occorre un impegno straordinario da parte di tutti noi, sezioni in primis, per garantirci la partecipazione del maggior numero di persone: per il messaggio politico che con essa intendiamo inviare alla Comunità, più che per motivi finanziari, comunque presenti. Infatti, con questa iniziativa, come accade in tanti luoghi, dalle Alpi alla Sicilia, sempre per volontà dell’Anpi, replichiamo quanto fece la famiglia Cervi alla caduta del fascismo, offrendo appunto la pastasciutta a tutto il paese di Campegine per festeggiare l’avvenimento. Non vogliamo mettere limiti, ma almeno 100-150 commensali dobbiamo metterli attorno al tavolo. Perciò, tutte le sezioni sono invitate ad occuparsi da domani della questione, sollecitando e accogliendo le prenotazioni, il cui numero andrà comunicato, sempre a Flavio Agresti, entro il 30 agosto. La quota di partecipazione (10 euro a testa) dovrà essere versata al momento in cui avviene la prenotazione.
Appena pronti, la locandina e i volantini ve li trasmetteremo via e-emeil: a voi il compito di stamparli e diffonderli.
Sappiamo di chiedervi tanto, ma “se non ora, quando?” Soprattutto nei momenti politici impegnativi come l’attuale, denso di rischi per il regime democratico, costato lacrime e sangue, anche all’Anpi fà capo la responsabilità di suscitare, e far pesare concretamente, la mobilitazione popolare più forte e determinata in difesa e per lo sviluppo delle libertà sancite dalla Costituzione Repubblicana. Anche con feste come questa che abbiamo deciso di organizzare in montagna. Quindi, diamoci da fare e… TUTTI A SANTA FIORA!
Cordialmente,

Flavio Agresti.

Li 16 agosto 2018.