Un atto di violenza estrema – dura condanna dell’ANPI di Follonica

L’ Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, sezione di Follonica, condanna duramente l’atto compiuto nei confronti delle due Rom, rinchiuse nel container a sbarre dei cartoni che, così, è diventato la loro prigione, anche se per poco tempo. Si è trattato di un atto di violenza estrema compiuto da due dipendenti del supermarket Lidl nei confronti di due persone indifese.
Quello che colpisce è l’atteggiamento derisorio, l’assoluta indifferenza che, perciò, ferisce a fondo i nostri valori di solidarietà e di inclusione sociale.
Questo gesto di violenza è certamente un male banale che deriva dall’assenza totale di senso critico e dall’incapacità di un profondo dialogo con se stessi.
E’ proprio il caso di ricordare la filosofa tedesca Hannah Arendt la quale affermava che la banalità e l’indifferenza fanno sentire gli individui non responsabili delle loro azioni, persino di quelle più brutte; persone banali che si trasformano così in soggetti violenti capaci di compiere azioni indegne nei confronti dei propri simili.

Annunci