Torna il Festival Resistente, dal 23 al 26 aprile Grosseto si anima per “Le cose giuste”

FR2015“Le cose giuste” è il tema della XVII edizione del Festival Resistente, realizzato dall’associazione omonima

con la co-organizzazione del Comune di Grosseto, in programma al Cassero Senese di Grosseto dal 23 al 26

aprile. Giustizia, uguaglianza, diritti, percorsi quotidiani per realizzare un mondo migliore. E’ da qui che il

Festival parte per raccontare le piccole e grandi storie di resistenza quotidiana fatte di “cose giuste”. Le

storie di chi, di fronte al sopravanzare di un omologante pensiero unico, cerca di muoversi verso un

orizzonte di diritti e solidarietà.

Intorno a questo tema si snoderanno una serie di appuntamenti – tutti a ingresso gratuito – tra musica,

teatro, libri, incontri, aperitivi, merende e dj set: per celebrare e festeggiare l’anniversario della Liberazione

con un programma ricco di contenuti e che al tempo stesso immergerà gli spettatori in un clima di festa e di

condivisione.

Il primo appuntamento è per giovedì 23 aprile con una cena che si svolgerà a partire dalle 20 che sarà

l’occasione anche per parlare delle tante “cose giuste” del nostro territorio. La cena è su prenotazione (info

e prenotazioni: 333-4949539).

A seguire (ore 22.00) lo spettacolo “Officine Libertà. L’onda Della Madonnina… quella volta che venne il

mare a Milano!!!”: una narrazione con musica e disegni dal vivo, di e con Gianluca Foglia “Fogliazza”. E’ la

storia di alcuni uomini e donne, lavoratori e cittadini che nasce in un’officina dei tram milanese, i quali

scoprirono di avere l’orgoglio e la forza per riprendersi la libertà, un pezzo alla volta, lottando, fino alla

Liberazione e alla più bella Costituzione del mondo.

Alle 23.00 Lucio Corsi in concerto. Il giovane cantautore maremmano presenta i suoi lavori “Vetulonia

Dakar” e “Altalena boy” che sta portando in giro per l’Italia.

Chiudono la prima serata i P’artigiani del rock.

La giornata del 24 aprile si apre con alcune iniziative promosse dall’ISGREC- Istituto Storico Grossetano

della Resistenza e dell’Età Contemporanea. Al mattino (ore 10.00) per il progetto “Cantieri della memoria.

Dalle pietre al digitale” – “Adotta un monumento” al Palazzo del Comune di Grosseto, visita guidata, a cura

di Luciana Rocchi, al bassorilievo, opera di Tolomeo Faccendi, che ricorda i deportati politici da Grosseto:

Albo Bellucci, Tullio Mazzoncini e Giuseppe Scopetani. Alle 16.00 si prosegue al Cassero con la festa dei soci

dell’ISGREC e alle 17.30 l’inaugurazione della mostra “Le carte di Siro Rosi sovversivo”.

Alle ore 18.00 la presentazione del progetto finanziato dal Cesvot, “Cantieri della memoria. Dalle pietre al

digitale”, con le associazioni che lo hanno promosso.

Parteciperanno Emilio Bonifazi, Sindaco Comune di Grosseto, Francesca Chiavacci, Presidente Nazionale

Arci, Giovanna Stellini, Assessore Cultura Comune di Grosseto.

Si inaugura alle 19.30 la mostra “… Nel cuore del futuro” di Alessio Duranti: immagini in bianco e nero che

evidenziano il prezioso valore della memoria inducendo a riflettere sull’origine, sul percorso di formazione,

sull’identità democratica della nostra Repubblica e sulle radici della nostra Costituzione, nata dalla

Resistenza.

Gli spettacoli iniziano alle 21.30 con Andrea Lanzini e Carlo Sciannameo e il loro repertorio teatrale.

La musica è protagonista dalle 22.15 con il concerto dei Khorakhanè. Il loro sound deriva da una

frammentazione di stili diversi, ma è soprattutto la grande forza creativa che compatta il gruppo e permette

loro di comporre brani difficilmente collocabili o ascrivibili ad un unico genere.

Alle 23.30 ancora musica di qualità con Il Pan del Diavolo: duo Folk /Rock’n’Roll formato da Pietro

Alessandro Alosi (chitarra, grancassa e voce) e Gianluca Bartolo (chitarra e voce).

Dopo il loro LP d’esordio “Sono all’Osso” e il secondo album “Piombo Polvere e Carbone”, è uscito nel 2014

il loro terzo album “FolkRockaBoom” che dà il nome al tour.

A seguire Dj set con Mirko Gallara.

La mattinata del 25 aprile si apre con il secondo appuntamento legato al progetto “Cantieri della memoria.

Dalle pietre al digitale” – “Adotta un monumento”. Alle ore 10.00 alla Cittadella degli Studi in via de

Barberi, gli studenti di Grosseto, in collaborazione con la Rete degli Studenti Medi e l’ISGREC, partecipano

alla cerimonia di omaggio al Monumento ai deportati con una loro illustrazione del monumento adottato

nell’ambito del progetto CESVOT “Dalle pietre al digitale”.

Alle 10.30 partecipazione al corteo e alle commemorazioni ufficiali nel centro storico di Grosseto e a

seguire (ore 12.30) pranzo Resistente al Cassero (consigliata prenotazione al n. 333-4949539)

Il pomeriggio è dei bambini (ore 15.30) con lo spettacolo di burattini “Lillo Lallo e la Guerra”, una

produzione del Teatro Studio di Grosseto a cura della Compagnia “Saltapalchi” con Esther Cerri e Lucio

Fontani.

Alle 16.30 l’incontro dal titolo “Donne resistenti: dalla lotta al nazifascismo alla difesa di Kobane”.

Nel 70° della Liberazione dal nazifascismo un pomeriggio dedicato alla riflessione sul ruolo fondamentale

delle donne nella Liberazione dei loro paesi: ieri in Italia contro il nazifascismo, oggi a Kobane contro l’Isis.

Partecipano: Erdal Karabey, rappresentante associazione culturale Kurda toscana, Barbara Solari,

ricercatrice ISGREC. L’incontro sarà intervallato da letture e musica a cura della Libreria delle ragazze e

Arcigay Leonardo Da Vinci Grosseto.

Seguirà alle 18.00 “Riconquista il tuo Cassero…” visita guidata al Bastione Fortezza-Cassero senese e Mura

Medicee, in collaborazione con Coopera Società Cooperativa.

Un altro incontro è previsto per le 18.30 con “Le Cose giuste in poco tempo: Roberto Ferretti”.

Musica protagonista dalle ore 21.00 con il concerto delle band finaliste del concorso musicale “Le note

giuste”: Orchestra Matterella, Apeiron Spritz, Frederikk, Monologue, Efuza.

E alle 22.00 live dei Luoghi comuni, band vincitrice dell’edizione 2014 del concorso musicale legato al

festival.

Una grande festa in musica è quella proposta dai Folkabbestia, sul palco dalle 23.00: un viaggio su una

sedia a dondolo tra territori balcanici, paesaggi irlandesi e calore pugliese. Ogni loro concerto è

un’immersione nella tradizione italiana, stropicciata con fantasia, ironia e mutazioni stilistiche che spaziano

dal folk al rock, dalla canzone d’autore a quella popolare, dallo ska al punk.

Si chiude con il dj set di Sandrino The Killer

Una bella pedalata sui luoghi della memoria è quella che apre la giornata di domenica 26 aprile alle ore

08.00 con “Resistere, Pedalare, Resistere”.

In bicicletta lungo i sentieri della Memoria (Montemassi, Ponte del Ricci) con FIAB-Grossetociclabile e la

collaborazione di ISGREC, ANPI e Circolo Arci Associazione Festival Resistente, che insieme promuovono

una giornata dedicata alla memoria di un evento legato alla lotta partigiana, avvenuto il 17 Giugno 1944 nel

comune di Roccastrada in località Ponte del Ricci e culminato con lo scontro a fuoco con una formazione

dell’esercito tedesco che vide la tragica morte di quattro giovani partigiani.

Ritrovo: a Grosseto, Cassero Senese ore 8.00 (a seguire trasferimento in auto a Sticciano Scalo, disponibili

posti bici su un mezzo messo a disposizione dagli sponsor di FIAB-Grossetociclabile), oppure direttamente a

Sticciano Scalo – Stazione FS- alle ore 9.00.

Anche domenica è in programma dalle 12.30 il Pranzo Resistente al Cassero (consigliata prenotazione al n.

333-4949539). Il primo appuntamento del pomeriggio è ancora per i bambini con

“Le Filastrocche in Carrozza” di e con Luana Cabibbo, spettacolo tratto dal libro di Gianni Rodari

“Filastrocche in cielo e in terra”.

Alle ore 16.00 il V° Congresso Provinciale della Rete degli Studenti Medi di Grosseto e alle ore 16.30 la

Merenda Resistente. Si prosegue alle ore 17.30 con la presentazione del libro “Si va pel mondo” a cura del

Comitato provinciale ARCI di Grosseto e della Sezione ANPI “E. Palazzoli” di Grosseto.

Partecipano: Christian Sensi, Presidente Comitato provinciale ARCI di Grosseto, Nello Bracalari, Presidente

Comitato provinciale ANPI di Grosseto, Giuseppe Corlito, Presidente sezione ANPI “E. Palazzoli” di Grosseto,

Simone Duranti, storico, ricercatore della Scuola Sant’Anna di Pisa.

La chiusura della XVII edizione del festival è affidata alla premiazione del concorso letterario “Le Cose

Giuste”.

La XVII edizione del Festival Resistente è realizzata con il contributo della Regione Toscana, in

collaborazione con ISGREC, ANPI Comitato provinciale ‘Norma Parenti’ di Grosseto, ANPI Sezione ‘Elvio

Palazzoli’ di Grosseto, ARCI Comitato provinciale di Grosseto e Rete degli Studenti Medi Grosseto, con il

patrocinio della Provincia di Grosseto e la co-organizzazione del Comune di Grosseto.

Il Festival Resistente si svolge inoltre sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica.

In caso di pioggia i concerti si svolgeranno al circolo Arci Khorakhané.

Info e programma completo: Associazione Festival Resistente – Grosseto – via Ravel n. 15

tel. 333-4949539 – 0564-417751 e-mail: info@festivalresistente.ithttp://www.festivalresistente.it ; facebook:

Festivalresistente Arci –

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...