Nello Bracalari, presidente provinciale ANPI, sul Giorno del Ricordo

BracalariIntervento di Nello Bracalari, presidente del comitato provinciale ANPI di Grosseto “Norma Parenti” al convegno “Ricerca, divulgazione e usi di pubblici della Storia”, promosso dall’ISGREC il 10 febbraio scorso nel Palazzo del Governo di Grosseto.

“L’ANPI partecipa con profonda commozione alle manifestazioni di questa giornata per ricordare le tragedie delle popolazioni del confine orientale ritenendo questo un “atto dovuto” non solo in solidarietà delle popolazioni coinvolte in quegli avvenimenti, ma anche per la costruzione di un giudizio EQUANIME della storia dell’Italia.

Le migliaia di vittime delle foibe, dove caddero e furono dimenticati anche molti partigiani italiani, l’esodo dalle loro terre di 250000 tra istriani, fiumani e dalmati rappresentano tragedie umane che non possono essere dimenticate.

Insieme al loro ricordo forte deve essere la condanna verso l’atteggiamento della parte jugoslava ispirata nell’ultima parte del confitto da un feroce odio ideologico e mire espansionistiche e si caratterizzò, dopo il trattato di pace, in misure di repressione etnica.

Certo, un giudizio obbiettivo della storia ci porta al contempo a non tacere sull’odio ideologico e razziale manifestato sin dalle origini dal fascismo verso le popolazioni del confine orientale che Mussolini espresse fin dal 1920 nel discorso di Pola.

La guerra, l’italianazzazione forzata, la dura repressione attuate successivamente, con campi di concentramento ed altre misure che provocarono decine di migliaia di morti compresi donne e bambini, sono la testimonianza concreta dell’atteggiamento del fascismo.

Nella “Giornata del Ricordo” vogliamo evidenziare queste due tragedie non per una valutazione del PESO dell’una rispetto all’altra ma perché i sentimenti che le hanno ispirate siano BANDITI PER SEMPRE dalla coscienza comune delle nostre comunità e dell’intera nazione.

Per questo dobbiamo operare affinchè, soprattutto nelle nuove generazioni, possono affermarsi i valori civili e democratici della nostra COSTITUZIONE che ripudiano con nettezza la guerra, il fascismo e l’odio razziale.

In questa battaglia l’ANPI si impegnerà con tutte le proprie energie convinta di rendere così omaggio alle popolazioni del confine orientale”.

Nello Bracalari, presidente provinciale ANPI di Grosseto

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...