L’ANPI Torino: Emergenza Costituzione, mobilitazione generale per controffensiva popolare

italia

Ordine del giorno

Il Comitato Provinciale ANPI di Torino, riunitosi sabato 20 luglio 2013:

– preso atto della Relazione del Presidente Nazionale Prof. Carlo Smuraglia in occasione del Comitato Nazionale del 26 giugno 2013 che evidenzia un’emergenza costituzionale;

– esaminata e discussa la preoccupante situazione economica, politica e sociale italiana, con particolare riferimento al dibattito in corso ed alle procedure in atto di “modifiche costituzionali”;

Propone l’istituzione a livello provinciale di una Commissione di lavoro permanente sulla “Emergenza Costituzionale” presieduta e coordinata dal Presidente Provinciale Diego Novelli.
Faranno parte della Commissione i componenti della Presidenza nonché tutti i tesserati ANPI disponibili a fornire la propria partecipazione attiva.

I compiti della Commissione vengono così sintetizzati:

a) Approfondire tecnicamente le tematiche costituzionali anche con il supporto di esperti e docenti di diritto costituzionale;

b) Promuovere la formazione interna con incontri a livello di Provinciale e delle Sezioni territoriali, per sensibilizzare e fornire adeguati strumenti di lavoro;

c) Divulgare all’esterno e nel modo più ampio la posizione dell’ANPI al fine di sensibilizzare la cittadinanza e le altre organizzazioni antifasciste;

d) Fornire supporto e aiuto ad ogni Sezione locale affinché organizzi la mobilitazione sul proprio territorio con tutti i soggetti attivi a livello locale e con una particolare attenzione per le Istituzioni (Consigli Comunali, Circoscrizioni);

e) Predisporre un’apposita mozione da trasmettere a tutti i gruppi politici presenti nelle Istituzioni.

Il Comitato Provinciale ANPI di Torino individua i seguenti cinque punti di riferimento per organizzare una controffensiva consapevole:

1) La Costituzione non può essere stravolta in base ad esigenze partitiche o alla maggioranza di governo in carica.

2) La Costituzione è rigida ma non immodificabile: le modifiche costituzionali sono possibili ma devono essere coerenti con l’equilibrio delle garanzie costituzionali e devono necessariamente seguire le regole ed i tempi previsti dall’art. 138 della Costituzione.

3) Le modifiche della Costituzione devono essere oggetto del più ampio dibattito e della più ampia condivisione, non solo nelle Istituzioni, ma in tutto il Paese, perché il popolo sovrano deve avere la possibilità di informarsi, comprendere ed esprimersi in tutte le sue componenti, al fine di vigilare costantemente sull’aderenza alla democrazia dei propri rappresentanti eletti nelle Istituzioni.

4) Presidenzialismo e Vice Presidenzialismo, nell’attuale situazione italiana e senza la predisposizione dei necessari contrappesi di potere negli organi dello Stato, potrebbero condurre a involuzioni autoritarie.

5) La priorità contingente si individua nella riforma dell’attuale legge elettorale, aberrazione antidemocratica.

L’ordine del giorno di istituzione a livello Provinciale di Torino di una Commissione “Emergenza Costituzionale” viene approvato dall’unanimità dei presenti.

In relazione a quanto sopra, il Comitato Provinciale ANPI di Torino ritiene di esercitare il diritto di accesso agli appositi spazi della RAI Radiotelevisione Italiana e delle televisioni e radio private.

Torino, 20 luglio 2013

Il Presidente
Diego Novelli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...