L’ANPI “coscienza critica” della democrazia

Tratto da StampToscana

Giovedì 23 Febbraio, 2012 – 8:31 da Franco Gentile

Firenze – Sabato 25 febbraio prossimo, alle ore 11 avrà luogo l’inaugurazione della nuova sede dell’ANPI provinciale, a Firenze Piazza Torquato Tasso, alla presenza del sindaco Matteo Renzi e del presidente dell’ANPI nazionale Carlo Smuraglia.

 

Firenze – L’ANPI –Associazione Nazionale Partigiani d’Italia- fu costituita il 6 giugno 1944, quando parte del centro ed il nord del Paese erano ancora sotto l’occupazione nazifascista
Nel corso del primo congresso, che ebbe luogo nel 1947, venne affermato l’impegno della Resistenza a consolidare le Istituzioni. In particolare fu affermato che l’antifascismo doveva essere inteso come lotta contro chi minacciava  le libertà individuali, negava la giustizia sociale e discriminava i cittadini. Nel contempo si chiedeva lo scioglimento del partito neo-fascista M.S.I. ed il riconoscimento ufficiale del Comitato Volontari di Liberazione (CVL) come corpo appartenente alle forze armate. Il riconoscimento avvenne nel 1958 confermando che la Resistenza, nel processo di liberazione, era stata preziosa comprimaria.
Alla fine degli anni ’70 l’ANPI prese posizione di netta  condanna del terrorismo. All’inizio degli anni ’80 denunciò con forza le malefatte della P2 ed il pernicioso intreccio tra terrorismo e mafia.
Nel 2005 prese posizione contro le gravi modifiche della Costituzione, operate dal governo Berlusconi (55 articoli modificati), partecipando poi con impegno alla campagna del  referendum che nel 2006 le abrogò.
Nel 2009 sviluppò un’azione di contrasto al progetto di legge 1360 che intendeva equiparare i repubblichini di Salò (subordinati ai nazisti nei loro crimini) ai partigiani. Infine  sviluppò uno sforzo, con esito positivo, contro il progetto di area governativa, di sopprimere le festività civili del 25 aprile, primo maggio, e 2 giugno.
Dopo il 2005: la crescita delle diseguaglianze sociali realizzate dai governi di Berlusconi, la necessità del passaggio del testimone dalla generazione dei partigiani alle generazioni più giovani, la necessità per il paese di difendere la Costituzione e di applicarla compiutamente, per completare il proprio progetto di democrazia, hanno portato l’ANPI al congresso del 2006.
Il congresso decise di consentire l’iscrizione all’associazione anche ai non partigiani. Questo ha posto la premessa del passaggio da un’organizzazione fra compagni che hanno operato insieme per oltre 60 anni, sulla base di rapporti stretti, ad una organizzazione complessa da governare in modo aperto e trasparente. I cinque anni successivi hanno evidenziato  potenzialità positive frutto di questo passaggio. Il congresso del marzo 2011 ne ha preso atto ed ha definito “la nuova stagione dell’ANPI”. Il suo obiettivo fondamentale è quello di un’alleanza “con l’associazionismo antifascista, le confederazioni sindacali e il vasto campo dell’associazionismo democratico italiano”. Naturalmente l’ANPI non vuole essere un partito, ma un’associazione culturalmente e politicamente pluralista “coscienza critica della democrazia e della società”. Ripudia la violenza in qualsiasi forma si esprima e la contrasta perché estranea al contesto democratico conquistato dall’antifascismo e dalla Resistenza. La violenza è solo arma dei nemici della libertà”. Un altro  obiettivo principale è la scuola “per educare alla cittadinanza e per formare la coscienza civile delle nuove generazioni”. A questo scopo è necessario lo studio della storia contemporanea, della “storia dell’antifascismo”, della Resistenza e della Costituzione. La formazione e la cultura sono essenziali per lo sviluppo economico, sociale , civile e culturale del paese. “In una società globale il principale fattore di disuguaglianza  è la conoscenza”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...