Vinci Querci

Vinci nasce a Gavorrano il 20 settembre 1921.

Il padre Ezio è un socialista ripetutamente preso di mira dai fascisti: la seconda bastonatura cui è sottoposto, nel 1933, lo porta ad un ricovero in ospedale e, dopo non molto, alla morte per le conseguenze del pestaggio. Logico che il clima politico che si respirava in casa Querci fosse fortemente antifascista.

Diciottenne, inizia a lavorare nella miniera di pirite del suo paese natale fino al 1941, anno in cui il fascismo lo manda militare a Boves (Cuneo) dove resta fino all’ 8 settembre 1943.

Nello sbandamento dell’esercito italiano, Vinci raggiunge Gavorrano dove, per evitare i bandi repubblichini e la cattura, si dà alla macchia con altri ex soldati e coetanei ispirati da sentimenti antifascisti.

Dal febbraio 1944 l’attività partigiana organizzata la svolge nei fitti boschi intorno a Massa Marittima, con la formazione ‘’Camicia Bianca’’ comandata da Renato Piccioli e facente parte del Raggruppamento Patrioti ‘’Amiata’’ del tenente colonnello Adalberto Croci che ne certifica l’appartenenza dal 25 maggio al 20 luglio 1944.

Con questa formazione partigiana, vera e propria minaccia quotidiana per le retrovie naziste, Vinci Querci partecipa a svariate azioni di guerra sia sulle colline de La Pesta (Lago dell’ Accesa), che nelle boscaglie intorno a Prata e Niccioleta, entrando in Massa Marittima e liberandola definitivamente dal nazifascismo il 24 giugno in collaborazione con la V^ Armata americana.

Dopo la Liberazione, Vinci aderisce con convinzione al Partito Comunista e presenzia ad ogni manifestazione antifascista. Nel frattempo continua la sua attività lavorativa come minatore, come metalmeccanico in una fabbrica di Torino dell’indotto Fiat ed infine, dopo un incidente sul lavoro, come dipendente del Comune gavorranese.

Il partigiano Vinci è deceduto a Gavorrano il 26 febbraio 1994

http://www.radiomaremmarossa.it/?page_id=6560

(Scheda di Luciano Querci e Aldo Montalti – Si ringrazia la famiglia Querci per foto e materiale messo a disposizione).

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Vinci Querci

  1. Maurizio Formichi:
    ho avuto il piacere di conoscerlo in quanto la moglie,teccla mi sembra,proveniva dal mio paese caSTIGLIONE D’ORCIA,MI RICORDO DEI SUOI RACCONTI INTORNO A TAVOLINO CON MIO BABBO ANCHE LUI PARTIGIANO IN VAL MAIRA IN DRONERO.MI è SEMBRATO GIUSTO TESTIMONIARE PER RENDERE OMAGGIO IN NOME SUO A TUTTI I PARTIGIANI .GRAZIE PER QUANTO PUBBLICATE IO DIVULGO CON MOLTO PIACERE. VORREI INOLTRE PORTARVI A CONOSCENZA CHE A CASTIGLIONE D’ORCIA DA QUALVHE ANNO ESISTE LA STANZA DELLA MEMORIA SEDE DELL’ANPI COMUNALE DOVE è POSSIBILE CONSULTARE TUTTO IL MATERIALE CARTACEO E NON SOLO CHE SIAmo riusciti a raccogliere e che cerchiamo di integrare continuamente grazie di nuovo vi saluto fraternamente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...