Lettera di Gennaro Barboni

Gentilissimi lettori, amici, oggi, il 3 Gennaio 2011, dopo 86 anni, ricorda il discorso della dittatura fascista e contro la libertà di stampa, pronunciato da Mussolini, il 3 Gennaio 1925, dopo la “crisi” politica, derivata dall’assassinio di Giacomo Matteotti – 10 Giugno 1924. Contro la dittatura fascista e la guerra, nel 1942, ho organizzato, assieme ai compagni Baldini Franco e Mariotti Adriano, scioperi a Matelica MC (Quello del Sabato pre-militare fascista, classe 1924, 102 giovani, sciopero totale vissuto per tutti i Sabati del Mese di Marzo 1942), scoperti per delazioni, siamo stati arrestati e tenuti per 4 giorni, nella “Camera di sicurezza” della Caserma dei soldati, 50° Reggimento Fanteria. E Fabriano AN (Nel Luglio 1942, per iniziativa di Barboni Gennaro e Stopponi Augusto, sciopero di 2 ore, del Reparto aggiustaggio e macchine utensili, 100 operai circa, della Fabbrica Fiorentini – Costruzione di macchine per l’Edilizia, 485 dipendenti, per il miglioramento delle condizioni di lavoro, aumento dei salari, istituzione della mensa, rimborso spese dei trasporti per i pendolari). Poi “goduti” giorni di ospitalità in “villa” fascista. Dopo la “IMPLOSIONE” del 25 Luglio 1943, voto a maggioranza dell’Ordine del giorno Dino Grandi, arresto di Mussolini, mancando un Governo pronto dell’opposizione al “regime”, il Re, sciaboletta, farà vivere il Governo Pietro Badoglio della “guerra continua”. A Cassabile SR, 3 firma – 8 Settembre 1943 – dichiarato l’Armistizio, dopo lo sbarco degli alleati in Sicilia. Governo Badoglio, generali e Casa reale, in fuga verso Pescara. Si ha il “TUTTI A CASA”, a segnare il fallimento globale della “monarchia” Savoia. Noi giovani, in Gruppo di 11, il 12 Settembre 1943, in montagna ad iniziare la Guerra Partigiana, fino al 15 Luglio 1944, fino a dopo la Liberazione di San Severino Marche, organizzatori e partecipi alla Guerra Partigiana. Scontri duri, distruzioni, incendi, morti, rappresaglie. Poi, lotte dure per il lavoro e la ricostruzione. Grazie a noi comunisti, all’On. Giuseppe Di Vittorio, Segretario nazionale della CGIL, il 18.19.20 Febbraio 1950, è stato presentato, a Roma, il “PIANO DEL LAVORO”. Chiari i 3 obiettivi:-centrali elettriche, per l’energia necessaria all’industria; case nuove per i lavoratori, da qui il “PIANO CASA”, denominato “Fanfani”; bonifica delle terre e riforma agraria, terra ai contadini, nuovi contratti mezzadrili. Si ebbero il “LODO De Gasperi”, e la “TREGUA MEZZADRILE”, con nuova ripartizione dei “prodotti”, per i “mezzadri” e la riforma agraria, nel 1953, per i contadini, poi divenuti coltivatori diretti. Una delle aree fondiarie dei Torlonia, spezzettata, in Maremma. Dai successi, per la vita del “PIANO DEL LAVORO”, si è passati al “Miracolo economico italiano”, con la crescita del PIL, del 6 – 8% l’anno. Forte l’emigrazione dal Sud al Nord d’Italia e lotte dure per la casa e per i servizi, a Milano, Torino, Genova, ecc… Risultati sono stati ottenuti, ma non a coprire tutti i bisogni dei nuovi arrivati. Dirigevo il PCI, nella Zona 18, Baggio-Forze Armate, di Milano. Zona di 92.000 abitanti. Lotte dure contro la costruzione, anche abusiva, dei “Palazzoni” di 16 – 18 piani, senza servizi. Allora, lotte per i servizi:-scuole, asili, centri sociali, strade e marciapiedi, tram, autobus, ecc… Anche tutela dell’ambiente, della salute. E siamo riusciti a bloccare l’Inceneritore del Figino, che procurava “Tumori” a causa della “Diossina” emessa. Era il tempo dell’ICMESA di Seveso, Luglio 1976. Lotte dirette da noi comunisti, uniti alle 3 Parrocchie della Zona, dirette da Parroci, giovani. Ottenuti successi. Il 20 Giugno1976, nella nostra Zona, il PCI ha ottenuto il 48,6% dei voti validi. In Italia, azione continua per nuovi equilibri politici, stroncata dal sequestro e dall’assassinio dell’On. Aldo Moro, che, quando ero Deputato del PCI, lui era il Presidente del Consiglio ed era sempre presente al Parlamento, parlava e seguiva il dibattito, quasi ogni giorno, a differenza del “BALLISTA” di oggi, “vecchio papi” capocomico del “Teatrino della politica”, che lo snobba e non dirige il dibattito parlamentare, perché, ha detto, che Lui “lavora” tutta la notte, fino alle 4 del mattino, e che “lavoro”, come le “Escort”, di varia età e misura, hanno raccontato. E Lele Mora. Poi, il “Capo d’oggi”, realizza la “politica estera” con la tattica del “Cù cù”, e, con Putin, con Gheddafi, per esempio, e realizza i “successi” da tutti conosciuti: Brasile, Afghanistan, ecc… Poi piangono, i fannulloni che non governano e che hanno rovinato l’economia dell’Italia, che si ritrova un Debito Pubblico, pari a 1876 Miliardi di Euro. Per gli interessi passivi d’ogni anno, derivati dal Debito Pubblico, noi onesti contribuenti, che paghiamo le Tasse a mezzo il “Sostituto d’Imposta”, obbligati, verseremo ancora per importi uguali alle TRE Manovre correttive programmate, pari a 98 Miliardi di Euro. 

      Il 3 Gennaio 1925, inizio della dittatura fascista. Marzo 1994, inizio della “Religione berlusconiana”, nutrita di una filosofia fasulla, ballista, del fondatore del metodo caratteristico del “Berlusconismo”, una scatola vuota. Tutto un insieme da abbattere. Oggi, grave è la “crisi” generale:-economica, finanziaria, politica, sociale. Alta disoccupazione, CIG, giovani penalizzati, precari e disoccupati, istruzione penalizzata dai provvedimenti governativi, come la Legge delega Gelmini e, Berlusconi, che “RIDE”, non ha più la maggioranza, Bossi e i “capi” della Lega, quelli del “S.P.Q.R., vogliono andare a votare ogni giorno, perché il “Federalismo” è una “Bufala”, chiacchiere e balle, ed il popolo dell’alto Est, è “incazzato”. Oggi, in Italia, i comunisti, “Marxisti – Leninisti”, non vi sono più. Sono rimasti gli abusivi chiacchieroni, che ogni giorno si dividono e che, per due volte, hanno abbattuto il Governo Prodi, l’unico possibile:-9 Ottobre 1998 e 24 Gennaio 2008. Questi avventurieri, sono al “soldo” morale di Berlusconi e lavorano per tenere divisa l’Opposizione, che, di fatto, non c’è. Ed il “casino” italiano avanza a danno dei giovani, dei pensionati, dei lavoratori, delle donne, dei ceti medi. C’è molto da fare per unificare le forze della libertà e della democrazia e, noi dell’ANPI, lavoriamo da sempre, sin dal 1944, per questi obiettivi, che sono la base politica della “RESISTENZA”, ieri ed oggi. Noi, del Consiglio Nazionale dell’ANPI, a Cervia, il 19.20.21 Febbraio 2010, abbiamo convocato il XV° Congresso nazionale dell’ANPI, che si terrà a Torino, dal 24 al 27 Marzo 2011. La situazione è difficile e noi Partigiani e iscritti nuovi dell’ANPI, come nel 1943, indicheremo la strada della lotta democratica, unitaria, per la rinascita dell’Italia, per dare un Governo nuovo democratico al Paese, tutelare ed applicare totalmente, la Costituzione della Repubblica, nata dalla Resistenza ed operante dal 1° Gennaio 1948. Siamo ottimisti, perché contiamo sui giovani.

Questa “crisi”, può essere superata come abbiamo superato quella derivata dalle rovine della guerra fascista. Questo il mio dire, per ricordare parti della storia italiana, dopo una data infausta, di nera dittatura:-3 Gennaio 1925, dopo il delitto Matteotti, avvenuto il 10 Giugno 1924. Che da tempo, rammentando , ed operando, Silvio Berlusconi, che è ritornato ad attaccare i “comunisti”, che di fatto non vi sono più, per intimorire le “Anime” buone, opera con ostilità e con la volontà di ripristinare la filosofia fascista, via, cancellata, la “libertà di stampa” che gli dovrebbe permettere di “governare” da solo, come il “duce” Benito Mussolini, finito male il 28 Aprile 1945, appeso per i piedi a Piazzale Loreto, Milano. Grazie, auguri, buon anno 2011. Iscrivetevi all’ANPI. Saluti cordiali. 

Già deputato del PCI, Gennaro Barboni, Partigiano combattente, Follonica GR. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...